Movimento Nazionale Liberi Farmacisti:COMUNE DI CAMPOBASSO, come aggirare la legge sui tirocini per i farmacisti

| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

COMUNE DI CAMPOBASSO:
come aggirare la legge sui tirocini per i farmacisti

 

(Roma, 07/05/2018)- Comunicato stampa relativo al bando del Comune di Campobasso per la costituzione di una graduatoria atta a selezionare due candidati laureati in farmacia ma non abilitati e non iscritti all'Ordine provinciale per un tirocinio di sei mesi

 

L'accordo Stato/Regioni del 25 maggio 2017 (rep. atti n. 86/CSR), nelle sue linee guida al punto 4 (soggetti ospitanti) ha espressamente escluso dai tirocini o stage  i " professionisti abilitati o qualificati all’esercizio di professioni regolamentate per attività tipiche ovvero riservate alla professione". Pertanto per  i farmacisti già laureati, abilitati ed iscritti all'Ordine professionale non è più possibile (nelle Regioni che hanno sottoscritto l'accordo) attivare tirocini extracurriculari.


Questo dopo che numerose proteste si erano alzate nei confronti dell'abuso di tale istituto perché nella pratica impedisce con l'attivazione di due tirocini e la conseguente copertura annua del fabbisogno lavorativo le normali assunzioni e, di fatto, contribuisce all'aumento della disoccupazione nel settore.

 

Fatta la legge trovato l'inganno.
Cosa s'inventa il Comune d Campobasso?

 

Un bando di concorso (Comune di Campobasso bando 3/5/2018) per l'attivazione di due tirocini in due farmacie comunali per laureati in farmacia che però non siano ancora abilitati all'esercizio della professione e non siano ancora iscritti all'ordine professionale.
Tutto perfettamente legale, ma tutto perfettamente immorale secondo il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti e la Confederazione Unitaria Libere Parafarmacie Italiane.


A pensar male non si fa peccato diceva qualcuno, per cui alcune domande sorgono spontanee:


1. perché un laureato in farmacia che proprio per il conseguimento di quella laurea ha pochi mesi prima dovuto sostenere un tirocinio obbligatorio presso una farmacia di 6 mesi, ha necessità di altro tirocinio dopo la laurea?
2. quali mansioni il tirocinante potrà svolgere nelle due farmacie comunali non essendo ancora abilitato ed iscritto all'ordine e non potendo di conseguenza dispensare alcuna ricetta medica o svolgere alcuna funzione in autonomia tipiche della sua professione?

 

Il sospetto è che il Comune di Campobasso con questo escamotage voglia trovare facilmente e a costo zero (indennità di partecipazione di 500 euro/mese pagata dalla Regione) manodopera specializzata senza procedere al normale iter delle assunzioni.

 

Il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti ritiene che tale comportamento non solo è moralmente sbagliato ma eticamente da condannare e pertanto invita il Comune a ritirare il suddetto bando. 
Invita, inoltre l'Ordine professionale della provincia di competenza e le autorità ispettive tutte, alla massima vigilanza, con particolare riferimento all'attività di spedizione dei farmaci dei tirocinanti non abilitati.

 

Chiede che la FOFI, la Federazione Nazionale degli Ordini provinciali dei Farmacisti prenda una posizione netta e contraria a tali pratiche tendenti ad aggirare l'accordo Stato/Regioni in oggetto.

 

 

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK