Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Notaresco batte l'Olympia, agevolato da una inguardabile prestazione arbitrale

Condividi su:
Lucio Gualtieri


Calcio serie D girone F 
20^ giornata del girone di ritorno.
 Notaresco - 28 febbraio
2021 
 
Il  S.N. Notaresco non “toppa” la gara al “Savini” con la pericolante Olympia Agnonese e si aggiudica la gara con il risultato di 2÷0.

Al termine di una  condotta sempre molto attenta e concreta, i notareschini sfruttano al meglio l’uno/due firmato da Gallo e Banegas, per conquistare i tre punti che le permettono di consolidare la 2^ posizione dietro all'irraggiungibile Campobasso

La partita si mantiene ricca di capovolgimenti, di fronte le due squadre si affrontano a viso aperto con l'intento di conquistare l'intera  posta in palio. Su  una gara piacevole, pesa in modo determinante una errata decisione arbitrale, che spiana la strada al  Notaresco, agevolandone  la vittoria finale e condizionando  la buona  prestazione dei granata.
Minuto 26esimo, il Notaresco si porta in vantaggio con Gallo, che devia in rete con la mano uno spiovente proveniente da calcio d'angolo. La dinamica dell'azione, non viene inspiegabilmente rilevata  dell'arbitro Gallo, guarda caso omonimo del finalizzatore e dal dormiente collaboratore di linea. Fallo di mano visto da tutti, ma non da loro, inutile sono state le proteste dei ragazzi Agnonesi, particolarmente quelle del capitano Pejic, che nell'occasione viene anche ammonito. Terna arbitrale, resta irremovibile e convalida la rete. Decisione irresponsabile, che condizionerà i ragazzi Agnonesi, per tutto l'arco dei 90'.
 La prima parte della gara si chiude sul vantaggio dei padroni di casa. 

I secondi 45 minuti vedono una buona Olympia, proiettata alla ricerca del pareggio ma, l'inevitabile errore, la porta a subire il raddoppio, bravo è  l'attaccante notareschino Banegas, al 66' nel  conquistare palla su un errato disimpegno difensivo e trovare Il raddoppio.
Gara quella degli Agnonesi che avrebbe dovuto coincidere con il salto di qualità definitivo, in virtù dei tanti inserimenti di qualità  operati dalla dirigenza granata. La prova messa in campo dalla squadra  è stata buona, ma non è bastata per superare le avversità messe in campo da un ottimo Notaresco e da una terna arbitrale con grossi problemi di miopia.

Condividi su:
Lucio Gualtieri

Seguici su Facebook