Coinvolgente rappresentazione del presepe vivente nelle piazze , nei vicoli, nelle strade di Poggio Sannita

| di Tonino Palomba
| Categoria: Tradizioni
STAMPA

 Poggio Sannita, 26 dicembre 2017 - Una bellissima ed emozionante rappresentazione del “Presepe vivente di Poggio Sannita” si è tenuta il pomeriggio di Natale nel centro alto molisano. Ideata, realizzata e prodotta da una bravissima e determinata Fausta Mancini, che coinvolgendo con molta passione, familiari, amici e volontari; con l’apporto logistico del Comune, è riuscita a superare le tante difficoltà organizzative, non ultimo lo stravolgimento del percorso dovuto a problemi di sicurezza, subentrati nei giorni scorsi.

Ne è scaturita una manifestazione riuscitissima, premiato da un grande successo di pubblico che lungo tutto il percorso-passeggiata ha accompagnato Gesù e Maria prima dell’arrivo alla capanna. Spettatori che hanno manifestato con tantissimi applausi il proprio gradimento. Il Presepe (premiato anche dalle condizioni climatiche) ha trovato la sua location nelle piazze, nelle strade e nei vicoli di Poggio mai apparsi tanto suggestivi.

Partendo da piazza XVII aprile risalendo corso Umberto I°, piazza Trento e Trieste arrivando in via Castellano, trasformata per intero nella “Piccola Betlemme”, al termine della quale era posta la capanna della natività. Il cast straordinario in tutti i suoi numerosi componenti (oltre 50 i partecipanti) a cominciare dalla Sacra Famiglia con il dolcissimo Gesù bambino, la splendida Maria ed il mite Giuseppe con tanto di asinello; proseguendo con l’ Arcangelo Gabriele, Elisabetta, i Re Magi, Erode, il censore, il centurione, le odalische ed i tantissimi figuranti (fra cui si sono segnalati bravissimi bambini alcuni dei quali anche con bellissime mamme al seguito) tutti a riprodurre ogni sorta di personaggio o attività quotidiana, dando, molto opportunamente, alla rappresentazione una cornice incantevole quanto fondamentale per la sua riuscita.

I personaggi scelti tra persone comuni, non solo di Poggio, eccezionalmente professionali hanno preparato l’evento con accuratezza e meticolosità, diverse le prove e le registrazioni audio. Costumi curatissimi, ricostruzioni sceniche riuscite e temi musicali appropriati hanno completato l’opera. Al termine non sono mancati panettone e vin brulé per tutti. Fausta Mancini, che dopo la “Via Crucis” (Pasqua 2017) e la “Sfilata di abiti d’epoca” (16 agosto scorso) è alla sua terza esperienza da “regista” di eventi realizzati con successo in paese, al temine della manifestazione appare molto soddisfatta:

“ Sono molto contenta che dopo tanto lavoro iniziato mesi fa, abbiamo messo in scena un Presepe vivente apprezzato da tutti. Desidero ringraziare le persone che più mi sono state vicine a cominciare da mia figlia Giada, per le musiche e il servizio fotografico; mio marito Mario, Severino Zarlenga e Antonio Mastronardi per tutto l’aiuto anche per la faticosa realizzazione manuale delle numerose scene; ringrazio Guido Mancini e sua moglie Maria Porrone, anch’essi per la fattiva collaborazione. Un’ultima considerazione sulle spese che un evento del genere deve necessariamente affrontare, che solo parzialmente sono state coperte dalle offerte volontarie raccolte”

Tonino Palomba

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK