Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Esce "Chiasmo apparente" di Paolo Mazzocchini

Una perlustrazione poetica nei paesaggi dell'inconscio

| di Bonifacio Vincenzi
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Dopo Zero termico (2014) Paolo Mazzocchini ritorna alla poesia con una nuova raccolta Chiasmo apparente (LietoColle, 2016).

Il filo che tiene insieme il testo e lo avvolge con le sue trame prodigiose restituisce una insolita omogeneità espressiva , alimentata da immagini a catena che cercano di reinventare gli spazi dell’esistenza …

Dovrò dimenticarti/ per poterti ricordare./ Scordare il cilicio/ che t’incorona il capo; la sferza/ nera di sangue sopra ogni/ fiore di maggio che osa/ odorare il tuo stento/ giardino; il guaito insonne/ di prefica che strugge lacrime/ di piombo da pupille opache/ alla luce dell’oggi, randagie /in cunicoli ciechi di rivalse/ e di angosce; l’acciaio/ dei canini nella carne implume /a frustrarmi ogni volo./ Potrà Oreste ricordarti quando/ il vento di settembre tra giovani/ capelli d’erba sulla tomba/ ti avrà spenti finalmente/ i ceri che bruciano il vischio/ del rancore. E le torbide/ cagne dormiranno ormai /accoccolate sopra l’innocua/ ritratta bellezza dei tuoi mai/ sognati vent’anni.”(Clytaemnestra)

Si tratta di una poesia a fondo visionario che perlustra i paesaggi dell’inconscio, carichi di fantasmi e parvenze capaci di dare anima  e senso all’oscuro silenzio.

LIETOCOLLE

http://www.lietocolle.com/shop/collane-collana-blu/mazzocchini-paolo-chiasmo-apparente/

 

Bonifacio Vincenzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK