Villa di Termoli, Frattura è pulito: il Gip di Larino ha archiviato le denunce

La notizia è stata annunciata dal suo legale Mariano Prencipe che sottolinea: questa inchiesta aveva offuscato l'immagine del presidente, per lui nemmeno richieste di rinvio a giudizio in 5 anni

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Buona notizia per l'ex presidente della Regione Paolo Di Laura Frattura. La ha comunicata tramite facebook il suo legale Mariano Prencipe. La questione sulla villetta di Termoli è stata archiviata. 

"Ho appena ricevuto la notifica  - ha sostenuto l'avvocato Prencipe - dell’ordinanza con cui il Gip di Larino ha definitivamente archiviato,nei confronti dell’ex Presidente della Regione Paolo di Laura Frattura, la denuncia dei sigg. Varanese, Cornacchione e Cerio. Il provvedimento, dettagliato e puntuale con il quale si rigetta l’opposizione delleSig. Varanese e Del sig.Cornacchione, è chiarissimo: Paolo di Laura Frattura non ha commesso alcun reato! Si chiude così, sul piano penale e personale per il mio assistito, una vicenda in cui, come spesso avviene in questo paese, la condanna mediatica (anche di trasmissioni televisive nazionali come “le Iene”),aveva anticipato impropriamente la decisione della magistratura offuscando anche l’immagine istituzionale del Presidente della Regione Molise. Con questo ennesimo provvedimento di archiviazione, che segue molti altri intervenuti su numerose denunce riguardanti anche l’operato amministrativo del Presidente Frattura, posso orgogliosamente affermare che nei cinque anni della passata legislatura,nei confronti del mio assistito, non solo non è intervenuta alcuna condanna penale anche di natura provvisoria ma neanche una richiesta di rinvio a giudizio". 

A queste dichiarazioni si aggiungono quelle dell'ex presidente Frattura: Per quanto mi riguarda, una brutta vicenda, dolorosa e rumorosa, complice quella nota attenzione mediatica, definiamola così, di cui sono stato oggetto a livello locale e nazionale. Per i tribunali tribali di certi tg e certe trasmissioni dalle inchieste urlate e non verificate, la sentenza c’era già. E invece, archiviazione! Non ho fatto nulla!!! Per fortuna, abbiamo un sistema giudiziario solido cui possiamo e dobbiamo sempre guardare con fiducia. Ancora di più quando dall’altra parte, a imbastire denunce strampalate, ci sono “personaggii” mossi sempre e soltanto da livore, a volte, politico. Niente da fare, malgrado il loro accanimento terapeutico! A Mariano, avvocato e amico, grazie. E grazie a tutti quelli che mi sono sempre stati vicini.

Sui fatti è intervenuto anche il consigliere regionale Pd ed ex assessore della Giunta Frattura, Vittorino Facciolla:È stata una legislatura caratterizzata dalla caccia all'uomo. Bisognava abbattere, ed in ogni modo, chiunque fosse ostacolo di mire personalistiche di qualcuno. Ancora oggi assistiamo al tentativo, becero, di recuperare posizioni continuando a dileggiare un governo regionale che non c'è più. Sia il Presidente che il sottoscritto siamo stati oggetto di decine di denunce: nessuna di loro ci ha mandato a giudizio. Ripeto, nessuna di loro ci ha mandato a giudizio. Per la magistratura, le stesse, non avevano neppure la dignità della verifica di un regolare processo. Sia il Presidente che io siamo stati ripetutamente e sommariamente condannati, con ludibrio pubblico, dal tribunale dell'opinione pubblica. L'Italia non è più uno stato di diritto ma uno stato fondato sulle fake news, sui processi di piazza, sui livori, sulle cattiverie, sull'ignoranza. A Paolo il mio personale abbraccio"

Non possiamo sapere cosa sarebbe accaduto se questo provvedimento di archiviazione fosse arrivato prima della decisione sulle candidature alle elezioni del 22 aprile in Molise. Probabilmente Frattura sarebbe stato ricandidato e i risultati per centrodestra, centrosinista e Movimento Cinque Stelle sarebbero stati diversi da quelli che sono arrivati. 

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK