Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Riprendere i contatti con il Cnr e pensare agli anziani Una riflessione ai tempi di Coronavirus

| di Enrico Santoro
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
 
 
_di Enrico Santoro_
 
Il momento che stiamo vivendo si sta rivelando tragico soprattutto per
gli anziani. Eppure, questa Regione è stata una delle prime a
inquadrare il problema e ad analizzarlo scientificamente. Già sul
finire degli anni Ottanta, ci proponemmo di creare condizioni migliori
per l’assistenza agli anziani negli ospedali, nelle case di riposo e
nelle famiglie.
 
C’era stato un episodio propedeutico a tutto ciò, che aveva stimolato
una riflessione più ampia e che ci portò ad affrontare il problema: la
chiusura degli ospedali psichiatrici. Avvenne alla fine degli anni
Settanta e le Regioni si ritrovarono a gestire il ritorno nel proprio
territorio di quei malati che avevano una possibilità di recupero.
All’epoca, nei nostri ospedali non c’erano reparti di psichiatria
perché, appunto, queste patologie venivano gestite direttamente dagli
ospedali specifici.
 
Pensammo, in quel caso, di utilizzare gli edifici scolastici, costruiti
dalla Cassa per il Mezzogiorno e non più utilizzati, e in quelle
strutture accogliemmo i malati che tornavano dagli ospedali
psichiatrici. Creammo uno staff di medici e di assistenti sociali e
sollecitammo la formazione di cooperative di giovani (alcune funzionano
ancora) che venivano sovvenzionate dalla Regione.
 
Molti di quei malati, ritrovando nei paesi i parenti e i conoscenti di
un tempo, migliorarono lo stato di salute e alcuni, addirittura, furono
recuperati del tutto.
 
Da quell’esperienza nacque l’idea delle case per anziani. Il primo
ricordo è quello della struttura di Capracotta, realizzata dal Comune.
Il paese altomolisano fu il primo a sentire l’esigenza di una
esperienza del genere perché molti capracottesi lavoravano a Roma e
avevano lasciato in paese i genitori anziani, spesso un solo genitore
che nessuno accudiva e assisteva.
 
Subito dopo, un sacerdote creò un’altra casa di riposo ad Agnone e
cominciammo a porci il problema di studiare in maniera più organica il
fenomeno.
 
Ero assessore alla Sicurezza Sociale e pensai di mettere a punto un
progetto con una università privata che era nata da poco a Campobasso.
Poi, quando fui assessore alla Sanità, interessai la  Cattolica, nella
persona del professor Carbonini, primario di Geriatria, e finanziammo
una ricerca sugli anziani nel Molise.
 
Incaricammo medici e giovani per indagare e capire il fenomeno, la sua
dimensione nel presente e, proiettando i dati, il suo futuro. La ricerca
fu sostenuta anche dal Rettore della Cattolica e l’analisi fu molto
approfondita, fatta Comune per Comune, con la rilevazione di dati molto
specifici sulla salute e sulle abitudini. I dati furono raccolti anche a
livello nazionale così da confrontarli con quelli del nostro
territorio.
 
Nel corso degli anni, pubblicammo quattro volumi, presentati a Roma:
“Anzianità e valori”, “La qualità dell’assistenza
dell’anziano in ospedale”, “Vivere con le persone anziane”,
“Dedicato agli anziani”. Non solo i dati, dunque, ma anche
indicazioni precise per chi doveva assistere gli anziani (in famiglia,
in ospedale, nelle case di riposo) e agli anziani stessi per migliorare
la qualità della loro vita. C’erano persino consigli, elaborati da
specialisti, su come arredare gli ambienti dedicati agli anziani, per
invecchiare attivamente, per radicarsi nel presente, per offrire la
propria esperienza ai giovani, per continuare a lavorare in attività
adatte all’età che stavano vivendo…
 
Da tutto ciò nacque l’idea della Facoltà di Geriatria, da istituire
nel Cnr di Pesche con la gestione della Cattolica. Arrivammo a un
progetto completo che immaginava persino posti letto per i ricoveri e la
riabilitazione. Sarebbe stata, la Facoltà, punto di riferimento per le
case di riposo che stavano nascendo sul territorio e che oggi sono
gestite da privati.
 
Tale progetto – che prevedeva anche la riabilitazione sportiva, con un
centro di ricerca specifico che sarebbe stato il primo in Europa - non
si è più realizzato, nonostante il finanziamento approvato, la
pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 6 novembre 1991 e la delibera
regionale dell’8 febbraio dello stesso anno. Il finanziamento di
quattordici miliardi di lire fu utilizzato per creare parte delle
strutture progettate e che oggi sono visibili sul territorio di Pesche.
 
Il 28 luglio 1993, con delibera di Giunta, la Regione revocò la
concessione al Cnr e la struttura di Pesche fu affidata
all’Università del Molise.
 
Il Coronavirus ci sta ricordando che gli anziani sono i più deboli e i
dati ci dicono che la popolazione del Molise sta invecchiando. Le case
di riposo, ora in mano ai privati, fanno ciò che possono. Ma
l’assistenza agli anziani non è solo vitto, alloggio, cure mediche e
riabilitazione. La lettera, riportata da tutte gli organi di
informazione, che l’anziano affidato a una casa di riposo ha scritto
qualche settimana fa, poco prima di morire, ai suoi famigliari, è
testimonianza tragica di tutto ciò.
 
Nel dopo Coronavirus, si può immaginare che la nostra regione riprenda
i contatti con il Cnr e rimetta in piedi un progetto che era stato
definito, approvato e finanziato. E che poteva e che può ancora
risolvere molti problemi del nostro futuro

Enrico Santoro

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK