Mamme in fuga dal lavoro per i nidi chiusi, Occhionero (Iv): il Governo eviti questa situazione di svantaggio per le donne

| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview
"La notizia diffusa dal “Messaggero” secondo cui il 15% dei nidi privati ha chiuso i battenti a causa della crisi coronavirus desta grande preoccupazione. Senza quelle strutture migliaia di bambini tra 0 e 2 anni rimarranno esclusi, perdendo un’importante occasione di socialità e crescita e creando peraltro un problema organizzativo per le loro famiglie". 
 
Lo ha dichiarato l'onorevole Giuseppina Occhionero che aggiunge: " Il Governo verifichi se i 300 milioni di euro per le scuole paritarie, stanziati nel Dl Rilancio anche grazie alla spinta di Italia Viva che ha permesso di raddoppiare i fondi inizialmente previsti, siano sufficienti ad evitare queste chiusure, altrimenti si valuti un aumento dei fondi. 
Non possiamo permetterci di perdere neanche un posto nei nidi, che già coprono solo il 24,7% del bacino potenziale di utenza grazie peraltro proprio dalle strutture private, che rappresentano il 50% dei 354mila posti disponibili nel nostro Paese. Dopo la notizia, riferita al 2019, delle 37mila neomamme costrette a lasciare il lavoro per accudire i propri figli, saremmo di fronte ad un nuovo duro colpo per le donne. E’ fondamentale che a settembre riaprano tutti e anzi si lavori per aumentare i posti disponibili".

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK