Ambiente,degrado al fiume Verrino: gli enti locali mostrano abbandono e indifferenza

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il torrente Verrino nasce nel comune di Capracotta e dopo aver attraversato numerosi paesi confluisce nel fiume Trigno. All’altezza di Agnone il corso d’acqua crea numerose cascate, tanto suggestive quanto utilissime per l’approvvigionamento di energia idrica. Tali condizioni in passato hanno permesso la nascita di molte attività produttive legate alla forza del fiume e ancora oggi esistenti, anche se non più attive. Offre un panoramo suggestivo fatto di salti, cascate, laghetti. Il fiume un tempo balneabile oggi si presenta abbandonato, senza alcuna manutenzione ordinaria e straordinaria finalizzate alla bonifica e alla pulizia dell'alveo fluviale- Gli Enti Locali, regione e comune,hanno le competenze di protezione idraulica del territorio in primis ma viene attuata con procedure di emergenza e a compartimenti stagni, al di fuori di una visione generale oppure non viene effettuata affato, con la conseguente distruzione di un patrimonio ambientale inestimabile

Il WWF fornisce dei dati sullo stato di salute dei fiumi italiani e afferma che circa il 41% di essi sono  ben al di sotto del buono stato ecologico

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK