Rendiconto 2020, Saia: i margini di azione sul bilancio erano minimi. Scarano: nessuna discontinuità dal passato

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il consiglio comunale di Agnone tenutosi il 30 aprile, all'ordine del giorno prevedeva quattro punti e al quinto le tre interrogazioni presentate dal capogruppo della minoranza Vincenzo Scarano di Agnone identità e futuro. Il consiglio del giorno del 30 è stato riconvocato a stretto giro dall'ultimo  che si era tenuto il 10 aprile per una variazione nel bilancio. 

 Al secondo punto Il bilancio consuntivo (o rendiconto),documento con cui la Giunta rendiconta e certifica, alla fine dell'anno, le spese e le entrate effettivamente sostenute per la gestione dell'ente comunale di fronte al Consiglio, che ha la competenza per l'approvazione definitiva. Si tratta di una sintesi di fine periodo che serve a rendere conto alla comunità del corretto utilizzo delle risorse a disposizione del comune. Il bilancio consuntivo viene approvato entro il 30 aprile dell'anno successivo a quello a cui fa riferimento. Cioe' in pratica si è rendicondato sul bilancio 2020 riferibile ai primi tre mesi  di gestione dell'amministrazione Marcovecchio, circa 7 mesi alla gestione commissariale della vice prefetta Giuseppina Ferro e gli ultimi tre mesi all' attuale maggioranza.

La relazione a cura dell'assessora  al bilancio Amalia Gennarelli, dopo aver enunciato una serie di entrate e uscite in cifre, affermava in sintesi:" Situazione economica solida, Il bilancio risulta essere soddisfacente e sono state gettate le basi per una azione amministrativa economica che risponde a criteri di razionalità e coerenza"  

Scarano nella replica ha annunciato il voto contrario del suo gruppo, il no motivato da una critica tutta politica, " Bilancio che non presenta alcuna novità rispetto al passato, si sovrappone ai precedenti bilanci, non si registra alcuna discontinuità. Non riusciamo a cogliere segnali di diversità nei diversi capitoli, dovete spiegare la differenza tra voi e le precedenti gestioni, cosa vi differenzia rispetto a un passato di gestione ordinaria ad un periodo di gestione, la vostra, straordinaria dovuta alla crisi"

Il sindaco Daniele Saia rispondeva agli interrogativi del consigliere Scarano che la valutazione su eventuali discontinuità con le passate gestioni vanno fatte in futuro, e ha detto "avevamo margini di manovra minimi, perchè nel bilancio di previsione i vari capitoli erano stati già impostati, abbiamo potuto solo scrollare l'amministrazione di alcuni debiti".  E continuava "La minoranza ha un ruolo attivo, poteva apportare, in sede di discussione del bilancio di previsione, anche in termini di entrate e uscite, suggerimenti, proposte che vengono per il bene della comunità, siamo disposti alla collaborazione, chiaramente in una comunità di  intendi, nei vari riequilibri che faremo a luglio e settembre vedremo se ci sono margini per andare avanti. In ogni caso i margini sono risicati, cercheremo di trovare entrate extra-tributarie"

Ma Scarano ha insistito sulla assenza di differenze tra l'amministrazione SAIA  e le precedenti amministrazioni, in particolare ha insistito sulla stesura del bilancio triennale di previsione  2021-2023, posto all'ordine del giorno nella seduta consiliare del 10 giugno, e secondo il consigliere da questo bilancio non si vede nessuna novità,  ad oggi secondo Scarano, non vi è traccia di una qualsiasi strada che questa amministrazione vuole intraprendere in discontinuità con il passato, non si comprendono dal bilancio di previsione quali sono le  scelte politiche- programmatiche, amministrative della maggioranza.

 Il sindaco , in nome della discontinuità ha citato  il risparmio sull'appalto dell'acquedotto di 90mila euro, e alcuni risparmi sulla manutenzione, ma Scarano replicava che si tratta di gestione ordinaria, che seppur apprezzabile non incide sulla linea programmatica triennale, e non indica la direzione, la strada maestra di questa amministrazione

 Il consigliere Iannelli del gruppo di minoranza Esserci si e' astenuto.

Al punto tre dell'ordine del giorno "Variazione Programma triennale Opere Pubbliche 2021-2023 è stato inserito un aggiornamento  sull'efficientamento energetico  e di conseguenza al già esistente finanziamento di 100mila euro con una variazione al Bilancio di previsione esercizio finanziario 2021-2023 è stato inserito un altro finanziamento di 40mila euro.  Il gruppo di minoranza Esserci votava a favore

All'ultimo punto le interrogazioni di Scarano. Segue prossimo articolo

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK