Carceri, Abruzzo e Molise: dopo il triste episodio di Frosinone, resta alta la preoccupazione per gli Istituti Penitenziari. 

Carceri, Abruzzo e Molise: dopo il triste episodio di Frosinone, resta alta la preoccupazione per gli Istituti Penitenziari. 

| Categoria: Attualità
STAMPA

 

 

Pescara, 20 sett. 2021 - È un fatto di inaudita gravità, quanto accaduto nella serata di ieri, presso la Casa Circondariale di Frosinone. Un detenuto, in possesso di arma da fuoco, si è reso responsabile di un episodio del tutto aberrante, all'interno di una sezione detentiva. 

 

Non volendo entrare nel merito della vicenda, auspicando un celere accertamento da parte della Magistratura e  Amministrazione Penitenziaria - affermano Paola Puglielli, Antonio Amantini e Giuseppe Merola della FP CGIL Abruzzo Molise - vogliamo ancora una volta denunciare e rivendicare a gran voce le carenze organiche, strutturali, logistiche e formative che interessano anche gli Istituti Penitenziari del distretto abruzzese-molisano, nonché il sovraffollamento detentivo e l'alta presenza di soggetti psichiatrici. 

 

Il panorama penitenziario è ormai inevitabilmente compromesso e pertanto urgono serie iniziative tese ad assicurare serenità ed ambienti sicuri per le nostre lavoratrici e lavoratori della Polizia Penitenziaria e Funzioni Centrali.  

 

Investire con coraggio e rafforzare l'esecuzione penale esterna potrebbero essere l'avvio di una nuova era, prima che sia troppo tardi - continuano i sindacalisti-

 

Le carceri del Paese non restino meri ricettacoli di disagi e continui teatri di episodi spiacevoli che, ancora oggi, continuano a mettere a dura prova l'intera stabilità sociale del Paese. 

 

Politica ed Istituzioni abbiano finalmente il coraggio di riflettere ed intervenire hic et nunc - concludono senza mezzi termini - 

 

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK