Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Quante ore lavora e quanto guadagna una commessa

Tutto ciò che c’è da sapere per svolgere la professione di commessa in Italia con contratto di lavoro a tempo pieno o part-time

18/12/2021
Attualità
Condividi su:

La professione della commessa può essere un’opportunità da cogliere per iniziare a familiarizzare con il mondo del lavoro. Anche perché – garantendo la giusta dose di flessibilità – si presta perfettamente per essere svolta da chi desidera coniugare studio e lavoro.

Nonostante dall’esterno possa sembrare un mestiere semplice che non richiede particolari o specifiche competenze, è bene sapere che il mestiere della commessa è in realtà abbastanza complesso. Chi lavora in un negozio non si occupa soltanto di accogliere i clienti; deve anche essere in grado di rispondere a tutte le loro domande in merito ai servizi offerti o alla merce esposta, fornendo informazioni il più complete ed esaustive possibili. In alcuni casi deve organizzare e aggiornare il magazzino, gestire i rapporti con i fornitori e occuparsi della cassa.

Chi fosse interessato alle offerte di lavoro per commessa può consultare il sito commesse.it dell’agenzia per il lavoro Jobtech. Il portale funge infatti da tramite tra coloro che offrono lavoro e coloro che cercano un impiego nel settore del retail. Il database contiene annunci per commesse, ma anche per cassieri, addetti alle vendite e store manager con maggiore o minore esperienza.

Indipendentemente dalla categoria del negozio in cui lavorerà – abbigliamento, cosmetica, elettronica, ecc. – una commessa viene di norma assunta tramite contratto a tempo determinato o a tempo indeterminato. Il contratto full-time si articola generalmente in 40 ore lavorative settimanali distribuite tra giorni feriali e festivi. Le ore si riducono fino quasi a dimezzarsi nei contratti part-time.

Ogni 6 giorni lavorati è previsto un giorno di riposo, che potrebbe anche essere scomposto in due mezze giornate.

Le ore possono essere aumentate in periodi dell’anno che corrispondono a particolari picchi lavorativi (per esempio Natale e Pasqua). L’estensione dell’orario non deve comunque superare la durata di massimo 16 settimane.

Lo stipendio della commessa è regolato dal contratto nazionale per il settore commercio. L’ammontare della busta paga varierà in base al numero delle ore lavorate, al livello di inquadramento (che dipende dall’entità dell’esperienza pregressa) e dalla tipologia di negozio. È risaputo che negozi come le boutique di abbigliamento di lusso pagano meglio rispetto alle grandi catene del fast fashion.

Il contratto di lavoro da commessa prevede solitamente anche la tredicesima, la quattordicesima e il pagamento degli straordinari che devono tuttavia rimanere nel limite delle 200 ore annuali.

Condividi su:

Seguici su Facebook