Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Gli auguri di Papa Francesco al presidente Mattarella nel giorno del suo compleanno

Condividi su:

 

Oggi il capo dello Stato italiano compie 81 anni e anche il Papa, cui è unito da sentimenti di affetto e stima, in un telegramma ha fatto pervenire al Quirinale le sue felicitazioni rimarcando il ruolo guida imprescindibile e la dedizione dell'uomo politico al vertice delle istituzioni

La gioia e gli auguri, ma anche la preghiera e il ricordo. E' quanto esprime il Papa nel telegramma inviato al Capo dello Stato italiano, Sergio Mattarella, che oggi compie 81 anni e che dal febbraio  2015 è in carica come Presidente della Repubblica. "Un alto servizio" che svolge - sottolinea il Pontefice - "a favore dell'amato popolo italiano".

Con gli occhi rivolti alla delicata situazione della politica che ha visto in pochi giorni la crisi del Parlamento, il suo scioglimento e la decisione di tornare al voto già a settembre, Francesco con parole affettuose, non manca di sottolineare il "contributo fondamentale e imprescindibile" che Sergio Mattarella continua ad offrire con "gentile autorevolezza e esemplare dedizione" proprio in questo "particolare frangente segnato da non poche difficoltà e scelte cruciali per la vita del Paese".

Al presidente gli auguri, dunque, la stima e la Benedizione apostolica estesa dal Papa alla famiglia, ai collaboratori e all'intera nazione. Espressioni che confermano un legame e una sintonia tra i due, tante volte espressa in diverse occasioni . Ricordiamo il telegramma di Francesco per la rielezione del Presidente nel gennaio scorso, in cui sottolineava il suo impegno a tenere unito il Paese e a comunicare serenità nel pieno della pandemia, o ancora le parole affettuose e di stima che il Capo dello Stato ha rivolto al Pontefice nell'anniversario del pontificato il 19 marzo scorso, in cui lo ringraziava per "la costante sollecitudine" "a mai smarrire il sentiero della fratellanza" e condivideva il comune impegno contro la guerra e per il dialogo.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook