Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Francesco Jovine e la tavola del contadino, ad Agnone l’evento dell’Accademia Italiana della Cucina sulla storia dell’agricoltura in Molise

L’11 settembre 2022 alle 10.15 nella Sala Consiliare di Palazzo San Francesco di Agnone evento dedicato al celebre scrittore molisano e alle sue opere sul mondo rurale e la gastronomia. 

Condividi su:

 

 

Domenica 11 settembre, a partire dalle 10,15, nella sala consiliare di Palazzo San Francesco del Comune di Agnone (IS), si terrà l’incontro “Francesco Jovine e il mondo contadino. Dalla terra al cibo alla gastronomia”. L’evento è organizzato dall’AIC - Accademia Italiana della Cucina, Delegazione di Isernia – per continuare l’approfondimento sulla storia dell’agricoltura in Molise e sulla “Tavola del Contadino”, tema dell’anno dell’ associazione fondata nel 1953 da Orio Vergani.

L’incontro culturale sarà condotto da Anna Scafati, vice-delegata AIC, con la collaborazione di un attore per le letture dei brani. Si comincerà con i saluti di Daniele Saia, sindaco di Agnone, e di Franco Di Nucci, delegato AIC Isernia. Il primo relatore sarà il professore Sebastiano Martelli, docente ordinario di Letteratura Italiana presso l’Università di Salerno, che per la prima volta indaga la gastronomia nella letteratura di Francesco Jovine. Martelli è curatore del libro “Viaggi in Molise”, raccolta di articoli scritti da Francesco Jovine per Il Giornale d’Italia al suo ritorno in Molise nel 1941, che l’autore ha ampliato con altre pagine di Jovine fino al 1947. Nella sua edizione di questo “secondo viaggio” del grande letterato molisano, il prof. Martelli sviluppa e rinquadra in maniera critica gli scritti di Jovine offrendo una visione inedita del Molise alle prese con il secondo dopoguerra. Seguiranno gli interventi di Ilaria Jovine, pronipote del celebre scrittore, e Roberto Mariotti, cineasti, autori del documentario “C’era una volta la terra” in cui le parole di Jovine, descritte magistralmente dalla voce narrante di Neri Marcorè, guidano lo spettatore in un viaggio rurale nel Molise, tra campi e persone, dove la semplicità e la forza della sua bellezza costruiscono un mondo infinito: la terra. Domenico Meo, infine, studioso di dialetto e folklore, introdurrà un dibattito sui temi della cultura popolare e contadina di Agnone e dell’Alto Molise

«Questo evento – spiega Franco Di Nucci, Delegato AIC Isernia – ripercorre le tappe di Francesco Jovine in Molise, ritornato in treno nella sua terra natìa nel 1941 per scrivere una serie di articoli per il “Giornale d’Italia”. Tra queste, anche l’Alto Molise con Pietrabbondante e Agnone: sono pagine intense, a tratti drammatiche, che svelano la vita del contadino e il suo rapporto con la terra. In questi racconti intensi, intrisi di tradizioni popolari che affondano le proprie radici nella storia sannita, emerge in tutta la sua forza il rapporto del contadino/allevatore altomolisano con la terra, regalando le pagine più belle della storia rurale nella letteratura di Francesco Jovine”. Un’occasione particolare per indagare da vicino la storia dell’agricoltura in Molise e nella provincia di Isernia

Condividi su:

Seguici su Facebook