Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Digital divide, in Alto Molise arriva la fibra ottica ma non si sa quando sarà attiva

Condividi su:

AGNONE - Da qualche giorno l’asfalto di una delle arterie agnonesi è segnato da un solco rosa che costeggia la carreggiata lungo l’intera strada e proseguendo. Molti si chiedono: cosa sia questo scavo? Perché rovinare il manto stradale inutilmente?
A cosa servono quelle scritte in rosso?
Quelle strane tracce non sono nient’altro che il primo passo del comune di Agnone (nonché di tutti gli altri paesi dell’area come Carovilli, Capracotta ecc.) verso l’universo della fibra ottica.
Finora, infatti, le aree coperte dal servizio Adsl hanno avuto accesso attraverso ponti radio che emanavano il segnale per l’internet veloce; una volta finito il cablaggio e tutti i lavori di routine, invece, tutti i comuni che hanno aderito al progetto avranno la possibilità di essere in contatto con quella che da alcuni è stata definita come “l’autostrada dei dati” ovvero un accesso diretto all’internet ad alta velocità.
L’investimento ministeriale, avvenuto all’interno del progetto ‘Piano nazionale banda larga’ dunque consentirà un implemento della rete come previsto dall’iniziativa che vuole azzerare il digital divide.
Assessore Cacciavillani, cosa cambierà per l’utenza?
“Per ora ciò che si sta facendo è quello di posizionare le guaine affinché il cablaggio possa avvenire; ciò che avverrà dopo sarà collegare le dorsali di trasmissione attraverso la fibra ottica, sostituendo i ponti radio che forniscono un segnale meno forte. Ciò vuol dire che per servizi come la telemedicina ospedaliera (trasmissioni di raggi ed esami da un centro ospedaliero all’altro, ndr) avranno finalmente le porte aperte. Si pensi a quali implicazioni possa avere una tecnologia del genere.”

 

Condividi su:

Seguici su Facebook