Regione contraria a ricerche idrocarburi

Frattura e Facciolla, dato ascolto a preoccupazioni cittadini

| di Ansa
| Categoria: Attualità
STAMPA

 "Precauzione e prevenzione", si regge su questi due principi la delibera adottata dalla giunta regionale del Molise di contrarietà alle ipotesi di azioni di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi nel territorio della provincia di Campobasso. Lo comunicano il presidente Paolo di Laura Frattura e l'assessore Vittorino Facciolla.

Il provvedimento regionale fa riferimento al decreto ministeriale del 2010 denominato "Santa Croce" che consente lo svolgimento di attività di prospezione consistente in rilievi geofisici e geochimici, eseguiti con qualunque metodo e mezzo, e ogni altra operazione volta al rinvenimento di giacimenti, escluse le perforazioni dei pozzi esplorativi, su una superficie territoriale in Molise di 641,2 chilometri quadrati ricompresa tra i comuni di Campodipietra, Cercemaggiore, Cercepiccola, Ferrazzano, Gildone, Mirabello Sannitico, San Giuliano del Sannio e Vinchiaturo.

"Abbiamo dato ascolto - spiegano Frattura e Facciolla - alle preoccupazioni espresse dai territori interessati dal progetto: a novembre scorso una riunione con le amministrazioni locali utile a definire un percorso per una soluzione unitaria e concordata". Generale, in quella sede, fu la contrarietà ai permessi di ricerca, poi formalizzata in atti deliberativi delle singole amministrazioni trasmessi al Ministero dello sviluppo economico. Da qui l'intervento della Regione nella stessa direzione. "Una scelta, la nostra, avvertita come necessaria - sottolineano il presidente e l'assessore -, in particolare alla luce degli eventi sismici che abbiamo vissuto nelle ultime settimane, con particolare concentrazione nella zona interessata dal progetto di ricerca di idrocarburi".

"In virtù dell'acceso dibattito scientifico che vorrebbe un'interazione tra la ricerca di idrocarburi nel sottosuolo e il dissesto a livello geologico laddove si proceda con tali ricerche - aggiungono -, abbiamo ritenuto doveroso per l'incolumità dei nostri cittadini intervenire: anche il minimo sospetto merita considerazione e un approccio prudente e preventivo". "Il nostro obiettivo - concludono Frattura e Facciolla -, è la revoca del decreto ministeriale stesso a garanzia della qualità della vita che vogliamo assicurare a tutti i cittadini del Molise".

Ansa

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK