Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Calcio serie D: Uno straripante Campobasso gioca, vince e ne fa quattro al Castelnuovo Vomano

Condividi su:
Lucio Gualtieri


Un campionato di serie "D" dove a fare notizia non sono più  i risultati del campo, ma bensì l'enigma settimanale  di quante gare verranno disputate. 
Domenica, 11 Aprile
nella 25^ giornata del  girone F, oltre al noto stop dell'Olympia Agnonese, già  al 5^ rinvio, arriva anche lo stop del Vastogirardi per sopraggiunte positività nel gruppo squadra.
 Le gare del girone F, non disputate in data odierna  sono le seguenti:
Agnone  - Tolentino
Aprilia  - Vastogirardi
Montegiorgio - Vastese
Gioca invece Il Campobasso al nuovo Romagnoli contro il Castelnuovo Vomano e vince con il risultato di 4÷0 
 Gara in totale controllo dei rossoblu, sia per il dominio del gioco, che per le tante occasioni create. Il Campobasso sblocca il risultato al 22' su un tiro di Esposito,deviato in rete dal  difensore Vomano Foglia. Sulla rete del vantaggio dei rossoblu, la ripresa del gioco subisce un ritardo di circa 10' per l'infortunio occorso all'assistente  arbitrale Bertozzi, nell'occasione si è  resa necessaria la sua sostituzione.
La chiusura dei primi 45' di gioco vede il fischio del direttore di gara Gauzzolino della sez. di Torino dopo ben 14' di recupero.
Una seconda frazione di gioco tutta rossoblu, le permette di trovare la via della rete per ben altre tre volte, dando una cadenza di tempo alle reti di circa 6'.
La seconda rete arriva al 65' ad opera di Esposito, a seguire la terza  al 71'  di Cogliati e completata poi al  79' dalla quarta su calcio di rigore realizzato da Domenicantonio.
Una gara quella dei Campobassani, che poteva assumere nel risultato finale, proporzioni da gara tennistica, a testimoniare il momento positivo che attraversa la squadra guidata da mister Cudini.
Vittoria e prestazione che mantengono a distanza la diretta antagonista Notaresco, anch'esso oggi vittorioso con il risultato di 1÷2 su terreno di gioco del Castelfidardo.

Condividi su:
Lucio Gualtieri

Seguici su Facebook