Istat: il 28,7% dei cittadini a rischio povertà, allarme al Sud

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

Oltre uno su quattro, il 28,7% delle persone residenti in Italia, nel 2015 è «a rischio di povertà o esclusione sociale». Lo stima l’Istat. Si tratta di una quota, scrive l’Istituto nazionale di statistica, «sostanzialmente stabile rispetto al 2014 (era al 28,3%)». Il risultato è la sintesi di «un aumento degli individui a rischio di povertà (dal 19,4% a 19,9%) e del calo di quelli che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa (dal 12,1% a 11,7%)». Resta invariata la stima di chi vive in famiglie gravemente deprivate (11,5%). Complessivamente lo scorso anno secondo l’Istat in Italia c’erano 17 milioni 469 mila persone a rischio povertà o esclusione sociale. Numeri che, scrive l’Istituto, vedono gli obiettivi prefissati dalla Strategia Europea 2020 «ancora lontani». Entro il 2020, infatti, l’Italia dovrebbe ridurre gli individui a rischio sotto la soglia dei 12 milioni 882 mila. Oggi la popolazione esposta è invece «superiore di 4 milioni 587 mila unità rispetto al target previsto». Dalla crisi economica il dato «è peggiorato», denuncia il Codacons, sottolineando che in cinque anni altri 2,7 milioni di italiani sono entrati nella fascia povertà-esclusione sociale. Mentre Coldiretti punta il dito sul cibo: sono 7,2 milioni gli italiani che dichiarano di non potersi permettere un pasto adeguato almeno ogni due giorni.

 

Metà delle famiglie vive con 2000 euro al mese

In Italia la metà delle famiglie residenti può contare su un reddito netto non superiore a 24.190 euro, ovvero a 2.016 euro al mese. Lo stima l’Istat su dati relativi al 2014, ultimo aggiornamento disponibile. Rispetto all’anno precedente l’Istituto rileva un «valore sostanzialmente stabile». Una novità visto che, sottolinea l’Istat, il reddito familiare in termini reali interrompe «una caduta in atto dal 2009, che ha comportato una riduzione complessiva di circa il 12% del potere d’acquisto delle famiglie». Negli ultimi anni in Italia la forbice dei redditi si è allargata. Ecco che, divisa la popolazione in cinque fette, l’Istat stima che «dal 2009 al 2014 il reddito in termini reali cala più per le famiglie appartenenti al 20% più povero, ampliando la distanza dalle famiglie più ricche il cui reddito passa da 4,6 a 4,9 volte quello delle più povere».da.....http://www.corriere.it/economia/16_dicembre_06/istat-287percento-cittadini-rischio-poverta-allarme-sud-a19e07c0-bb9a-11e6-a857-3c2e3af6f0b6.shtml

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK