Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cloratore bloccato, acqua non potabile a San Pietro Avellana.La sindaca De Caprio emette ordinanza di divieto di utilizzo

Attualità
Condividi su:
Maria Carosella

E' con l' ordinanza n1 dl 7 gennaio 2022 che la sindaca di San Pietro Avellana, Simona De Caprio, informa i cittadini nel merito della nota dell'Azienda Sanitaria Regionale Molise Dipartimento Di Prevenzione (ASREM)  del 5. gennaio.2022  in cui il dipartimento informava il comune che in data 04 gennaio 2022 era stato effettuato un prelievo d'acqua presso la Fontana Pubblica S.S. Montesangrina e la Fontana Pubblica Corso Regina Margherita e che i risultati delle analisi effettuate avevano evidenziato la NON CONFORMITA' agli standard di qualità previsti dal D.Lgs. vo 31/2001.
 

Pertanto la sindaca ordina il  DIVIETO DI UTILIZZO dell'acqua per gli usi potabili ed alimentari e individua le località. Nel merito al problema che investe gran parte del paese altomolisano, abbiamo raggiunto telefonicamente la Sindaca Simona De CAPRIO per comprendere le motivazioni dei risultati non a norma delle analisi effettuate sull'acqua dal dipartimento di prevenzione ASREM

La sindaca ha risposto. "C'e un problema  tecnico  sul cloratore, era bloccato e stiamo già provvedendo alla risoluzione quasi immediata del problema" e  contemporaneamente mostrava alcune perplessità sul fatto che un organo di informazione le rivolgesse domande su un problema che investe la salute pubblica dei cittadini di un paese dell'Alto Molise

 L'elenco delle zone del divieto:

Per le motivazioni sopra espresse:
ai cittadini in:
C/SO SAN ROCCO
C/SO REGINA MARGHERITA
VIA ROMA
PIAZZA UMBERTO I°
ZONA VIGNA DILEO
ZONA COLLE DELL'ANGELO
VILLAGGIO U.N.R.R.A.
VIA GIORDANO BRUNO
VIA G. MARCONI
VIA SANTA MARIA DELLA NEVE
FRAZIONE MASSERIE DI CRISTO
FRAZIONE ALVANI
FRAZIONE CERRI
DIVIETOASSOLUTO, sino a quando nuovi accertamenti non ne confermino la potabilità
all'utilizzo dell'acqua della rete idrica per usi potabili alimentari.

Condividi su:
Maria Carosella

Seguici su Facebook